Medicina del lavoro
curriculum gargiulo lucia

Chi rimane vittima di un infortunio, da qualunque causa sia provocato, spesso deve patire gravi sofferenze fisiche e morali.

Se non si richiede una valutazione di un medico legale di propria fiducia, la quantificazione del danno effettuata dal medico legale della Compagnia di Assicurazione sarà l'unica base per l'offerta di risarcimento del danno.

In questo caso una perizia di parte, che valuti accuratamente tutti i danni subiti e giustifichi quindi l'attribuzione di un adeguato punteggio, permette di ottenere il giusto risarcimento.

In particolare siamo specializzati nelle Perizie per lesioni macropermanenti, cioè quei danni gravi che comportano una valutazione superiore al 9% e quindi un risarcimento di notevole entità.

Studio Gargiulo · Risarcimento Assicurazione

 

Per avere buone probabilità di ottenere un risarcimento danni per le conseguenze derivanti dal sinistro stradale bisogna essere seguiti da professionisti del settore, specializzati nel risarcimento danni da sinistro stradale.

  • Più di venti anni di esperienza maturata nel settore delle assicurazioni.
  • Consulenza in tutta Italia! Collaboriamo con studi legali specializzati in risarcimenti assicurativi che forniscono un supporto professionale sino al risarcimento del danno.
  • La dottoressa Lucia Gargiulo assiste personalmente il proprio Paziente, redige la perizia medica assicurativa e segue nelle fasi del procedimento, stragiudiziale e giudiziale.
  • Offriamo consulenza per sinistri stradali in tutta Italia.
  • Richiedi una consulenza Senza Impegno


-->

Contatta lo studio medico legale

assicurazioni risarcimento incidenti stradali

 

Risarcimento Sinistro Stradale Cosa è importante sapere?

In caso di sinistro stradale, il soggetto danneggiato ha diritto a ricevere il risarcimento danni per incidente stradale per i danni riportati dal veicolo, nonchè per tutte le lesioni personali, fisiche e morali, subite.
Assume particolare importanza nella certificazione del danno alla persona la valutazione del danno biologico effettuata dal medico legale di parte (perizia medico legale o perizia assicurativa).
 
Si chiama “relazione medico legale”  (perizia assicurativa o perizia di parte)  ed è quella valutazione che compie per iscritto un medico legale incaricato dal danneggiato, sulla scorta delle informazioni riportate dal danneggiato una volta esaurito il processo di guarigione, nonché della documentazione medica che il leso porta con sé.
La relazione del medico legale si conclude con una valutazione delle lesioni sotto due aspetti: quello dell’inabilità temporanea e quello dell’invalidità permanente. Il primo valore consiste in un conteggio dei giorni in cui il danneggiato non ha potuto ottemperare alle proprie mansioni professionali.
 
L’altro valore deriva dal calcolo del danno biologico e quindi dalla determinazione dell’invalidità permanente.
Il medico legale “traduce” in punti percentuali di invalidità permanente la riduzione dell’integrità psicofisica che permane dopo la guarigione. Questi punti vengono quindi tradotti in una somma che è predeterminata per legge (risarcimento del danno indicato nella perizia medica) e che si sostanzia nel risarcimento danni da incidente stradale

Incidente stradale: come è disciplinata la responsabilità?

 Attualmente secondo il codice civile il conducente di un veicolo è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o cose dalla circolazione del veicolo, a meno che non provi di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno stesso. Qualora si incontrino due veicoli si presume che vi sia una uguale responsabilità nel causare il danno subito da entrambi i veicoli, salvo prova contraria.
Nella pratica l'assicurazione chiede che il conducente per liberarsi della responsabilità provi che l'incidente si è verificato per un fatto attribuibile al danneggiato oppure per caso fortuito, quindi per un fatto imprevedibile e inevitabile.
Se per esempio si investe un pedone per liberarsi della responsabilità si deve provare che l'investimento è stato causato dal pedone stesso, che ad esempio ha improvvisamente attraversato la strada quando il veicolo era a pochi metri.
Nel caso di sinistro tra veicoli, come abbiamo detto, si presume la responsabilità di entrambi i conducenti quindi per non dover risarcire il danno dovrà provare che la responsabilità è tutta dell'altro conducente. 

Cosa fare per ottenere il risarcimento del danno in caso di sinistro?

Nel caso di incidente avvenuto tra veicoli i proprietari dovranno denunciare il sinistro alla propria assicurazione utilizzando il modulo da esso fornito.
Se dall'incidente sono derivati danni materiali o personali lievi, ossia con lesioni di lieve entità (danno biologico inferiore al 9%) i danneggiati possono chiedere il risarcimento direttamente alla propria Compagnia assicurativa.
Qualora il sinistro abbia causato danni gravi alla persona (danno biologico superiore al 9%) il danneggiato dovrà presentare richiesta di risarcimento all'Assicurazione del veicolo che ha causato il danno.
La richiesta di risarcimento va mandata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento e deve contenere: nome degli assicurati, targhe dei veicoli, denominazione delle imprese, descrizione delle circostanze e modalità del sinistro, generalità di eventuali testimoni, indicazione di un eventuale intervento della Polizia, intervento di medici, luogo giorno e ora in cui le cose sono disponibili per la perizia diretta ad accertare il danno.
 
Qualora i conducenti avessero subito delle lesioni: età, attività e reddito del danneggiato, lesioni subite, dichiarazione di prestazioni dovute da Enti (INAIL), attestazione medico legale comprovante avvenuta guarigione e lesioni permanenti.
L'impresa Assicuratrice dovrà rispondere entro 90 giorni in caso di lesioni. Entro tale scadenza l'impresa di assicurazione formulerà una offerta economica per il risarcimento oppure comunicherà i motivi per i quali non ritiene di dover formulare una offerta.
Se il danneggiato accetterà l'offerta la Compagnia Assicurativa provvederà al pagamento entro 15 giorni.

Indennizzo diretto

L'indennizzo diretto (comunemente detto risarcimento diretto) è una speciale procedura di liquidazione dei danni che derivano da un sinistro stradale che può essere attivata in presenza di determinate condizioni e che consente quindi al danneggiato di chiedere il risarcimento presso la propria compagnia assicuratrice al fine di garantire un risarcimento in tempi brevi.
L'indennizzo diretto è comunque una procedura facoltativa per il danneggiato.
La procedura è attivata mediante richiesta alla propria Compagnia specificando una serie di informazioni per la gestione del sinistro.

Quando si applica l'indennizzo diretto?

Si applica generalmente a tutti i sinistri stradali ad eccezione dei seguenti casi: più di due veicoli, un veicolo non regolarmente assicurato, un veicolo che non appartiene ai veicoli a motore, un veicolo speciale, una macchina agricola, un pedone, un ciclista, un bene immobile, un veicolo non immatricolato in Italia, non c'è stato impatto tra i due veicoli, dall'incidente sono derivate grave lesioni (danno biologico superiore al 9%).
 
L'obiettivo che ci si è posti con l'indennizzo diretto è quello di portare la Compagnia Assicurativa a rispettare la tempistica e ad avitare contenziosi davanti al Giudice.
 
La richiesta di risarcimento assicurativo deve contenere: nominativo del soggetto, luogo giorno e ora in cui le cose sono disponibili per l'ispezione e per accertare l'entità del danno, circostanze nelle quali è avvenuto il sinistro, entità delle lesioni subite, attestazione medica di avvenuta guarigione, etc.
La procedura di indennizzo diretto è facoltativa quindi la richiesta di risarciemento va inviata sia alla propria Compagnia Assicurativa che a quella del danneggiante.
La Compagnia assicurativa a questo punto aprirà il sinistro ed entro 90 giorni dalla richiesta sarà obbligata a formulare una offerta economica o a comunicare al danneggiato i motivi per i quali ritiene di non formulare nessuna offerta. 

!--

Risarcimento assiurazione, perizia assicurazione

-->

Contatta lo studio medico legale

Quando redigere la Perizia Medico Legale
Perizia Medico Legale di parte o Perizia Assicurativa

Quando si subisce un infortunio stradale è importante presentarsi con una propria Perizia Medico Legale di Parte (Perizia Assicurativa) alla visita del medico legale nominata dall'assicurazione. In mancanza di una propria Perizia Medico Legale (Perizia Assicurativa) infatti sarà molto difficile valutare la congruità dell'offerta risarcitoria.

Risarcimento assicurazione e perizia di parte per assicurazioni

COME PROCEDIAMO? Perizia medico legale di parte assicurazioni

La Perizia Medico Legale (Perizia Medico Legale di Parte o Perizia Assicurativa) fornirà infine al vostro legale rappresentante uno strumento tecnico, in una materia così complessa, con cui quantificare ed eventualmente trattare nel migliore dei modi il risarcimento economico con la controparte.

In una prima fase esaminiamo attentamente le vostre cartelle cliniche, prescriviamo gli eventuali accertamenti sanitari necessari al fine di dimostrare il danno da incidente stradale subito e il nesso causale con l'incidente e redigiamo la Perizia Medico Legale.

La presentazione della propria Perizia Medico Legale consente quindi nell'ordine:

  1. Individuazione del danno
  2. la sua corretta quantificazione
  3. Individuazione di una proposta di accordo
  4. Negoziazione di una proposta in via amichevole
  5. Eventuale azione giudiziaria

Il nostro Studio Medico Legale a Milano vi assiste in tutte le fasi, stragiudiziale ed eventualmente giudiziaria, anche avvalendoci, ove richiesto, della collaborazione di avvocati specializzati nella materia.


!--

Risarcimento assiurazione, perizia assicurazione

-->

Contatta lo studio medico legale


Risarcimento danni in ambito assicurativo Dove operiamo?

Le nostre sedi si trovano a Milano e Perugia ma offriamo consulenza in tutta Italia, in particolare: Torino Novara Alessandria Asti Biella Cuneo Vercelli Bologna Ferrara Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Brescia Bergamo Cuneo Cremona Lecco Lodi Mantova Milano Monza Pavia Sondrio Varese Ancona Ascoli Piceno Fermo Macerata Pesaro Urbino Bari Brindisi Foggia Lecce Taranto Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Pisa Pistoia Prato Siena Bolzano Trento Belluno Padova Rovigo Treviso Verona Vicenza Chieti Pescara

Descrivi il tuo caso